Israele: i tesori della Terra Santa

Israele
partenza: 27/04/2020 - 2800 €

supplemento singola: 790 €

QUOTE VALIDE CON MINIMO 10 PARTECIPANTI

Una terra dal grande fascino, ricca di paesaggi fortemente suggestivi, di profonda spiritualità e di vestigia di un importante passato che parla ancora al nostro oggi, facendo vibrare le corde più profonde delle nostre emozioni.
La storia della Terra Santa è antica come quella dell’uomo e non deve quindi sorprendere che essa sia stata e continui a essere il palcoscenico di passioni estreme, luogo di incontro ma anche di conflitto tra innumerevoli popoli e culture, origine di ogni possibile contrario. L’odierna Israele, teatro di epocali contrasti, culla e scenario di eventi ancestrali, è fatta di paesaggi mutevoli, inestimabili tesori d’arte, monumenti e vestigia archeologiche, simboli carismatici delle tre principali regioni monoteiste. Dalle sabbie dei suoi deserti, dalle verdeggianti sponde del Giordano, dall’oscurità delle grotte riaffiorano le testimonianze di fortezze israelitiche, teatri romani, città nabatee, chiese bizantine, sontuosi palazzi omayyadi, castelli crociati e moschee arabe.
Israele, resta uno dei crocevia fondamentali dell’umanità, un luogo imprescindibile da visitare per meglio comprendere il mondo che ci circonda.

In viaggio con il valore aggiunto di un accompagnatore autorevole!
accompagnatore culturale: dott. Luca Pintaudi, archeologo
Storico dell’Arte e archeologo, può ben considerarsi un grande viaggiatore per il numero di paesi visitati. Collabora con numerose associazioni culturali e musei archeologici e partecipa a numerose campagne di scavo nell’area mediterranea.
I suoi viaggi l’hanno più volte portato nell’area balcanica e in Medio Oriente, ove ha condotto approfondimenti specialistici sui siti archeologici nell’antica Mesopotamia e in Libano.


Documento necessario
 Passaporto (per i cittadini italiani è richiesto il passaporto con validità non inferiore a 6 mesi dalla data di ingresso nel Paese. All’aeroporto di Tel Aviv verrà consegnato il visto che dovrà essere conservato all’interno del passaporto per tutta la durata del soggiorno) 

Durata 8 giorni/7 notti
Viaggio di gruppo in aereo


SINTESI DEL PROGRAMMA DI VIAGGIO

Lunedì 27 aprile: Milano / Tel Aviv
Alle 10.00 ritrovo dei partecipanti all’aeroporto di Milano Malpensa, Terminal 1, con l’assistente e imbarco sul volo di linea in partenza delle ore 12.10 per Tel Aviv. Arrivo alle 16.55 ore locali.
https://www.goactiveisrael.com/sites/default/files/sea-galil-1-min.jpg
Incontro con la guida locale e visita orientativa della città durante il trasferimento in hotel.
Al termine sistemazione nelle camere riservate presso il BY14 TLV Hotel **** (o similare). Cena e pernottamento.
https://t-ec.bstatic.com/images/hotel/max1280x900/110/110572367.jpg


Martedì 28 aprile: Tel Aviv / Cesarea / Haifa / San Giovanni d’Acri / Haifa
Prima colazione in hotel. Incontro con la guida locale parlante Italiano e partenza per Cesarea Marittima, città romana e crociata, visita dell’anfiteatro, l’ippodromo, le terme, la villa e la fortezza. 
Si prosegue verso nord per la città di Haifa, centro industriale costruito sul Monte Carmelo, con una sosta per godere della vista panoramica sulla baia e sul centro mondiale della fede Ba’hai con i suoi stupendi giardini. 
Pranzo libero. 
Proseguimento per San Giovanni d’Acri (Akko), antico porto capitale del Regno Crociato dopo la caduta di Gerusalemme utilizzato sia dalle armate sia dai pellegrini nel corso della storia. Visita alla moschea al Al Jazzar, il caravanserraglio, le mura.
Rientro ad Haifa sistemazione al Club Bay**** (o similare). 
Cena e pernottamento.
Cesarea è una città dello Stato di Israele, localizzata a metà strada tra Tel Aviv ed Haifa, nella pianura costiera di Israele, vicino alla città di Hadera. La città prese il nome da Cesare Augusto, che la offrì in dono ad Erode il Grande dal 25 al 13 a.C. Questi vi costruì un imponente porto accanto a diverse strutture di intrattenimento, bagni pubblici e templi. La città fu centro amministrativo della Provincia di Giudea dell'Impero Romano, e più tardi capitale della provincia bizantina Prima Palestina durante il periodo classico. Nel periodo Bizantino, Cesarea era un importante centro Cristiano, infatti i primi padri della Cristianità, Origene ed Eusebio, vissero qui e, secondo la tradizione cristiana, qui avvenne la prima conversione di un pagano: il centurione romano Cornelio. A seguito della conquista musulmana nel VII secolo, la città divenne parte della provincia di Palestina fino all'arrivo dei Crociati, ma poi fu di fatto abbandonata sotto il dominio dei Mamelucchi. Nel periodo delle Crociate, la città venne fortificata per mezzo di ponti e mura, distrutti infine durante la Conquista Mamelucca del XIII secolo. Nel 1952 fu eretta una cittadina ebraica nei pressi delle rovine della città antica, diventando il parco nazionale di Cesarea marittima. 
Acri (nota in italiano anche come San Giovanni d'Acri) è una città che dal 1948 fa parte dello Stato d'Israele nella Galilea occidentale, nel Distretto settentrionale dello Stato ebraico e si estende su un basso promontorio all'estremità settentrionale della Baia di Acri. Tra i nomi ricollegabili a questa città, a seconda dei popoli che l’abitarono, spiccano: Accho, Acco, Aak, Ake, Akre, Akko, Ocina, o ancora Antiochia Ptolemais. Fu a lungo considerata la "Chiave della Palestina", per il fatto che la sua posizione domina il litorale che congiunge la piana di Esdraelon (Valle di Jezrael), così da consentire gli ingressi all’interno della regione in modo più agevole. Dopo la caduta di Gerusalemme, arresasi alle forze islamiche di Saladino, divenne la capitale del Regno crociato di Gerusalemme. Fu conquistata nel 1291 dai Mamelucchi, che ridussero Outremer alla sola isoletta di Arados (in arabo Arw?d). La Città Vecchia di S. Giovanni d'Acri (Acri) nel 2001 è stata inclusa dall'UNESCO fra i siti definiti "Patrimonio Mondiale dell'Umanità", fra cui un tunnel che è pertinente alla fortezza del XIII secolo dei Cavalieri Templari. La prima cosa che si può osservare giungendo ad Acri sono le imponenti mura che abbracciano la Città Vecchia e le sue magnifiche porte. Lungo le mura orientali di Al-Jazzar, così chiamate in onore del sovrano che seppe ridare lustro alla città nel suo momento storico più difficile, spicca la Burj al-Kuraijim, anche nota come Torre del Vigneto o Fortezza Britannica, mentre a nord-est svetta il Burj al-Kommander, il tozzo Torrione da dove parte la Passeggiata delle Mura di Terra.
 
Mercoledì 29 aprile: Haifa / Tiberiade / Tabgha / Monte Beatitudini / Cafarnao / Safed / Haifa
Prima colazione in hotel. Inizio della giornata con la visita dei luoghi sacri intorno al Lago di Tiberiade, arrivo a Tabgha e visita della chiesa della Moltiplicazione dei Pani e dei Pesci. Salita al Monte delle Beatitudini dove ha avuto luogo il Discorso della Montagna; Cafarnao e visita al sito archeologico dove sorgeva l’antico villaggio di pescatori dove risiedeva Simon-Pietro. Pranzo libero. Partenza per Safed suggestiva cittadina di montagna legata al misticismo Ebraico (Kabbalah). Vanta una colonia di artisti che richiama molti visitatori. A seguire visita di una cantina vinicola boutique, dove si conoscerà la storia della famiglia fondatrice.
Al termine rientro in hotel, cena e pernottamento.
Tabga è una località sulla riva del Mare della Galilea, in Israele. La città viene identificata dalla tradizione cristiana come il luogo in cui si svolsero due episodi evangelici: la moltiplicazione dei pani e dei pesci e il terzo incontro di Gesù con i suoi discepoli dopo la Resurrezione. Per ricordare e celebrare questi eventi sono state erette due chiese a Tabga, visitate da molti dei pellegrini che si recano nella Terra Santa. La prima di queste è la Chiesa della Moltiplicazione dei Pani e dei Pesci, sede di un monastero benedettino, ospita la suo interno un piccolo mosaico rappresentante pani e pesci, che identifica il luogo dove Gesù benedisse il pane. L’altra è la Chiesa del Primato di Pietro, chiamata così in quanto, nell'incontro coi discepoli, Gesù riconfermò Pietro a capo della Chiesa.
Cafarnao era un'antica città della Galilea, situata sulla sponda nord occidentale del lago di Tiberiade, identificata con un villaggio attualmente chiamato dagli Arabi Tell Hum. Secondo i Vangeli, Gesù vi abitò dopo aver lasciato Nazareth. Nei secoli successivi Cafarnao fu abbandonata: i suoi resti sono stati ritrovati e riportati alla luce da scavi archeologici nel XX secolo. 
Safed è una delle quattro città sante ebraiche, con Gerusalemme, Hebron e Tiberiade. Situata nel nord di Israele, è anche una delle città più alte del paese. Tra le antiche e pittoresche strade del suo quartiere ebraico si trovano nicchie nascoste e sinagoghe dove la ricchezza del passato traspare dagli alti soffitti, dalle decorazioni e dagli antichi rotoli della Torah. Il quartiere degli artisti si trova in quella che un tempo era la parte araba della città, dove essi vivono e lavorano in antiche abitazioni, e le loro opere, esposte alle finestre, possono essere ammirate passeggiando lungo le strette strade del quartiere. Safed è anche sede di un’emozionante museo storico che ne racconta la storia e di un’enorme fortezza dei Crociati, ospita inoltre numerosi festival ricchi di colori e sensazioni.
 
Giovedì 30 aprile: Haifa / Nazareth / Beit Shean / Mar Morto 
Prima colazione in hotel. Partenza per Nazareth: visita alla Chiesa dell’Annunciazione, la più grande basilica cattolica francescana del Medio Oriente costruita sulla Sacra Grotta dove la tradizione vuole che l’Arcangelo Gabriele abbia dato l’annuncio a Maria. 
https://static1.evcdn.net/images/reduction/166217_w-1980_h-620_q-100_m-crop.jpg
Visita al Monte del Precipizio, dove Luca raccontò l’episodio di Gesù allontanato dalla Sinagoga in seguito ai suoi insegnamenti. La prossima sosta sarà a Beit Shean, con il grande anfiteatro romano che un tempo ospitava fino a 8.000 persone. Gli scavi archeologici hanno portato alla luce non meno di 18 città sovrapposte. 
Proseguimento lungo la valle del Giordano, fino al Mar Morto. 
All’arrivo, trasferimento e sistemazione al David Dead Sea Resort & Spa**** (o similare). Cena pernottamento. 
Nazaret, Natsrat secondo la pronuncia ebraica, è la città dove, secondo la tradizione, l’angelo Gabriele annunciò a Maria che avrebbe concepito un figlio con la forza dello Spirito Santo, e dove Gesù trascorse la sua infanzia e la sua giovinezza. Situata nel distretto settentrionale di Israele, nella regione storica della Galilea, è una città intrisa di religione, fede, spiritualità e santità, ma possiede anche una ricca storia, un’archeologia affascinante, una cultura moderna e l’ineguagliabile bellezza del Medio Oriente. Nazareth è citata per la prima volta nel Nuovo Testamento come luogo in cui Gesù svolse la sua infanzia. La località, abitata fin dall'età del bronzo, non è menzionata in fonti ebraiche prima del III secolo, il che evidenzia il suo ruolo marginale, nell'antichità, sia nella Giudea che nella Galilea. San Girolamo nel V secolo affermava infatti che fosse un viculus ovvero un piccolo villaggio, abitato da un centinaio di persone. Epifanio, basandosi su una conversazione con un certo Giuseppe che costruiva chiese a Zippori e in altre località, afferma che fino al tempo di Costantino (IV secolo) Nazareth era abitata solo da ebrei. Questo potrebbe implicare che al tempo di Epifanio vi abitavano alcuni cristiani non ebrei (e non esclude che degli ebrei credenti in Cristo vi abitassero in precedenza). Nel frattempo leggende su Maria iniziarono a suscitare interesse sul luogo tra i pellegrini, tra i quali Elena, che fondò la Basilica dell'Annunciazione e associò un pozzo a Maria. Nel ‘570, l'Anonimo di Piacenza racconta di aver viaggiato da Zippori a Nazareth e fa cenno alla bellezza delle donne ebree del luogo, che dicono che Maria era loro parente, e annota: "La casa della Santa Maria è una basilica". La Grotta dell'Incarnazione, che si trova nella cripta della Basilica dell'Annunciazione (che è costruita su di essa), è indicata dalla tradizione come il luogo della casa di Maria, dove ricevette la visita dell'Arcangelo Gabriele. Gli scavi, durante la costruzione della basilica moderna, hanno messo alla luce i resti di due chiese precedenti, una bizantina e una crociata, che testimoniano l'antichità di questa tradizione. A Nazareth esistono molte altre chiese e cappelle (cattoliche romane, ortodosse e protestanti) costruite in stile gotico e neoclassico. Tra queste ricordiamo la Chiesa Anglicana (di Gesù) o ancora il Sito dell’antica Sinagoga e della Chiesa Greca-Ortodossa. 
 
Venerdì 1° maggio: Mar Morto / Ein Gedi / Masada / Gerusalemme
Prima colazione in hotel. Tempo libero a disposizione per un bagno nelle acque salate del Mar Morto. A quasi 300 metri sopra il livello del Mar Morto, si profila la rocca di Masada, costruita da Erode il Grande, isolata dall’area circostante per la presenza di ripidi Wadi a Nord, a Sud ed a Ovest. Salita in funivia per la visita alla fortezza e straordinario è il paesaggio desertico visibile dalla sommità del promontorio. 
Pranzo libero. 
Proseguimento per una passeggiata nell’Oasi della riserva naturale di Ein Gedi dove si potranno ammirare la flora e la fauna locale. Arrivo in serata a Gerusalemme, città santa e sacra ad Ebrei, Cristiani e Musulmani, trasferimento e sistemazione al Lady Stern Hotel****(o similare). Cena e pernottamento. 
Il Mar Morto è - propriamente - un lago situato nel vicino Oriente tra Israele, Giordania e Cisgiordania, nella regione storico-geografica della Palestina. Chiamato anticamente Asfaltide, il Mar Morto si trova nella depressione più profonda della Terra, generatasi nei millenni per effetto dell'evaporazione delle sue acque non compensate da quelle degli immissari, che è anche causa della sua forte salinità. È un mare chiuso che ha come immissari le acque del fiume Giordano, del fiume Wadi Mujib e di altri corsi d'acqua di minore importanza, senza avere però alcun emissario, risultando dunque un bacino endoreico. La caratteristica peculiare del Mar Morto è che l'acqua è notevolmente salata, a causa della forte evaporazione, e questo non consente alcuna forma di vita fatta eccezione per alcuni tipi di batteri, da cui deriva il nome Mar Morto.
Masada (o Massada) era un’antica fortezza situata nella Giudea sud-orientale. A quasi 400 metri sopra il livello del Mar Morto, si profila la rocca di Masada isolata dall’area circostante per la presenza di ripidi Wadi a Nord, a Sud ed a Ovest. Con le sue mura alte cinque metri, lungo un perimetro di un chilometro e mezzo, e una quarantina di torri alte più di venti metri la fortezza era pressoché inespugnabile. Un eventuale assedio era ostacolato anche dalla conformazione geomorfologica della zona; infatti l’unico punto di accesso era il tortuoso sentiero del Serpente, chiamato così a causa dei suoi numerosi tornati. Nel I secolo a.C. la fortezza era il palazzo di Erode il Grande. La cittadina era arroccata su tre diversi livelli ed era dotata di terme, magazzini sotterranei e ampie cisterne per la raccolta dell'acqua. La fortezza divenne nota per il lungo assedio dell'esercito romano durante la prima guerra giudaica e per la sua tragica conclusione. Dopo la sua presa, Masada rimase in mano ai Romani fino a tutta l'epoca bizantina. Dopo l'invasione araba il luogo fu abbandonato; venne poi riscoperta oltre un secolo e mezzo fa e diventò simbolo della causa sionista. 
https://cdn.vox-cdn.com/uploads/chorus_image/image/62359698/shutterstock_656752000.0.jpg
 
Sabato 2 maggio: Gerusalemme Città Nuova / Betlemme / Gerusalemme
Prima colazione in hotel. Mattinata dedicata alla visita della Città Nuova: visita al complesso dello Yad Vashem, il memoriale dell’Olocausto. Visita del Museo di Israele, con il Santuario del Libro ove sono conservati e custoditi i Rotoli del Mar Morto rinvenuti nella località di Qumran. 
Proseguimento delle visite con Machane Yehuda Market - Israeli Shouk, per godere dei colori, dei profumi e dell’atmosfera unica di questo mercato, dove si possono assaggiare i prodotti locali passeggiando per i suoi vicoli. Visita di Betlemme, luogo di nascita di Gesù e dove sorge la Basilica e Grotta della Natività. 
Al termine rientro a Gerusalemme, cena e pernottamento. 
Gerusalemme, già capitale giudaica tra il X e il VI secolo a.C., è un'antichissima città considerata Città Santa da Ebraismo, Cristianesimo e Islam (per quest'ultimo è la terza città santa in ordine d'importanza, dopo La Mecca e Medina). Si trova sull'altopiano che separa la costa orientale del Mar Mediterraneo dal Mar Morto, a est di Tel Aviv, a sud di Ramallah, a ovest di Gerico e a nord di Betlemme. La Città Vecchia e le sue mura, considerate Patrimonio dell'Umanità dall'UNESCO, racchiudono in meno di un chilometro quadrato molti luoghi di grande significato religioso come il Monte del Tempio, il Muro del Pianto, la Basilica del Santo Sepolcro, la Cupola della Roccia e la Moschea al-Aqsa. Nel corso della sua storia Gerusalemme è stata distrutta e ricostruita due volte ed è stata assediata, conquistata e riconquistata in decine di occasioni. La parte orientale di Gerusalemme è stata occupata dallo Stato di Israele nel 1967, e nel 1980 il Parlamento israeliano approvò la cosiddetta "legge fondamentale" che proclamava unilateralmente "Gerusalemme, unita e indivisa [...] capitale di Israele"; il Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite nella risoluzione 478 ha definito la "legge fondamentale" nulla e priva di validità, una violazione del diritto internazionale e un serio ostacolo al raggiungimento della pace in Medio Oriente. 
Betlemme, 10 km a sud di Gerusalemme, è una città palestinese famosa soprattutto perché i Vangeli e la tradizione cristiana la indicano quale luogo di nascita di Gesù. La città ospita infatti la Basilica della Natività, eretta nel luogo dove, secondo la tradizione, nacque Gesù. È costituita dalla combinazione di due chiese e da una cripta, la grotta della Natività, il luogo preciso in cui Gesù sarebbe nato. Nel 2012, la basilica è stata inserita nella lista del Patrimonio Mondiale dell'Umanità dell'UNESCO.
 
Domenica 3 maggio: Gerusalemme Città Vecchia / Tel Aviv
Prima colazione in hotel. Salita mattutina al Monte degli Ulivi dal quale si gode un bel panorama della città di Gerusalemme. Discesa al Getsemani, Orto degli Ulivi, la Roccia dell’Agonia su cui patì Gesù e Chiesa delle Nazioni. Entrata in Città Vecchia ed inizio della visita a piedi. 
Sosta al Muro del Pianto, antiche mura che ospitarono il Sacro Tempio. 
Attraversando il caratteristico bazar arabo, si percorre parte della Via Dolorosa (Via Crucis) fino al Santo Sepolcro. Pranzo libero. Visita all’insieme di cappelle e chiese che sono racchiuse nel luogo più santo per la Cristianità: luogo in cui Gesù è stato sepolto prima di ascendere al cielo. Tempo libero a disposizione. 
Al termine trasferimento a Tel Aviv, sistemazione nelle camere al BY14 TLV hotel****. 
Cena e pernottamento, 
 
Lunedì 4 maggio: Tel Aviv - Jaffa - Tel Aviv
Prima colazione in hotel. Inizio della giornata con la visita di Jaffa, antica città egiziana e cananita, considerata il più antico porto del mondo.
https://2igu3kydhhg2m49g0gup4v1c-wpengine.netdna-ssl.com/wp-content/uploads/2017/11/Jaffa.jpg
Passeggiata tra i vicoli affacciati sull’antico porto. Pranzo libero. 
Proseguimento della giornata con le visite di Tel Aviv. 
Al termine, rientro in hotel, cena e pernottamento.
Giaffa (conosciuta anche come Jaffa), è un'antica città situata in Israele. È una località marittima situata pochi chilometri a sud di Tel Aviv e attualmente fa parte della municipalità di Tel Aviv all’interno del suo distretto.
Il papiro Harris 500 narra la conquista dell'antica città di Giaffa con un ingegnoso stratagemma. Durante le campagne di conquista di Thutmose III in Palestina un suo generale, Geuthy, uccise con l'inganno il principe di Giaffa, venuto al campo egiziano come ambasciatore, e poi, per impadronirsi della città, nascose duecento soldati in duecento ceste per farli entrare di soppiatto. L’importanza della città di Giaffa nell’antichità, è dovuta principalmente alla presenza del porto storico del Paese sul Mar Mediterraneo, citato nell'Antico Testamento come porto di arrivo del cedro del Libano, usato per la costruzione del tempio di Salomone.
Tra il 3 e il 7 marzo 1799 Giaffa, allora facente parte dei territori sotto il dominio della Sublime porta, fu sottoposta ad assedio da parte delle truppe francesi al comando di Napoleone Bonaparte durante la Campagna di Siria. La città fu espugnata e alla conquista fece seguito un massacro di prigionieri ottomani ed albanesi, ad opera dei soldati francesi. Giaffa fu l'ultima città palestinese a cadere in mano all'esercito israeliano durante l'esodo palestinese del 1948: il 13 maggio del 1948 cinquemila uomini dell'Irgun e dell'Haganah iniziarono un assedio che durò tre settimane e che portò poi all'espulsione di tutta la popolazione palestinese al suo interno.
 
Martedì 5 maggio: Tel Aviv / Milano Malpensa
Colazione in hotel. Giornata a disposizione per le ultime visite individuali e per lo shopping.
Pranzo libero. 
Trasferimento all’aeroporto Ben Gurion di Tel Aviv in tempo utile per il volo di linea delle ore 18,30. 
Arrivo alle ore 21,40 all’aeroporto di Milano Malpensa Terminal1.
 
 
La quota comprende:
Volo di linea da Milano e ritorno, in classe economica, basati sulle tariffe aeree/tasse aeroportuali/costi carburante oggi in vigore, soggetti a eventuale adeguamento 20 giorni prima della partenza
Trasporto di Kg. 20 di bagaglio
Trasferimenti in pullman privati come da programma
Sistemazione negli hotel indicati di categoria 4*
Trattamento di mezza pensione
Visite ed ingressi previsti come da programma
Accompagnatore dall’Italia
Guida locale in esclusiva parlante lingua italiana
1 kit da viaggio per camera
Assicurazione medico, bagaglio e annullamento viaggio Filo Diretto Travel.
 
La quota non comprende:
Mance (consigliati 50 € a persona)
Eventuale aumento delle tasse aeroportuali, adeguamento carburante, fuel/security charge ed eventuali tasse locali che verranno comunicati entro 20 giorni prima della partenza
Extra di carattere personale e tutto quanto non espressamente indicato nel programma e alla voce “La quota comprende”. 
 
Penali in caso di recesso da parte del Passeggero 
L’addebito in caso di annullamento (indipendentemente dall’ammontare dell’acconto previsto) di una penalità per recesso è in misura variabile a seconda del numero di giorni mancanti alla data di inizio del viaggio/soggiorno, calcolata in percentuale sull’importo totale delle quote di partecipazione di ciascun passeggero che recede dal contratto, come da prospetto qui di seguito:
Nel caso di annullamento del viaggio e/o variazioni verranno applicate le seguenti penalità: 
Annullamenti parziali inferiori al 25% del totale gruppo 
Rinuncia fino 95 giorni prima della partenza € 100,00 per le spese organizzative.
30% da 94 a 45 giorni prima della partenza 
50% da 44 a 23 giorni prima della partenza 
75% da 22 a 15 giorni prima della partenza 
100% da 14 giorni alla partenza. 
Nessun rimborso dopo tale data a meno che non si riesca a trovare un sostituto (compatibilmente con il biglietto aereo) restano ovviamente € 100,00 per le spese organizzative e il costo dell’eventuale cambio da camera doppia a singola. 
Il Premio assicurativo non è mai rimborsabile. L’annullamento del viaggio da parte di un partecipante con sistemazione in camera doppia comporta il pagamento del supplemento in camera singola. Nessun rimborso è previsto per chi decidesse di interrompere il viaggio o il soggiorno già iniziato.
 

NOTIZIE UTILI
LINGUA - Israele: Lingue ufficiali sono l'ebraico e l'arabo, ma inglese, francese, spagnolo, tedesco, yiddish, russo, polacco e ungherese sono ampiamente diffuse. Giornali locali e internazionali e periodici sono disponibili in un gran numero di differenti lingue. Le indicazioni stradali e la maggior parte delle insegne commerciali sono in ebraico e inglese, e spesso anche in arabo.
VALUTA - Israele: La valuta corrente dello Stato di Israele è il New Israel Shekel, abbreviato in shekel, plurale shekelim in  ebraico e shekels in inglese. 1 EURO = circa 4 SHEKEL
FUSO ORARIO - Un’ora in più rispetto all'Italia.
VOLTAGGIO - La corrente elettrica fornita in Israele è di 220 V monofase a 50 Hertz. Spesso le prese elettriche dispongono di tre fori, ma molte funzionano comunque anche con le spine europee a 2 contatti. Per maggiore sicurezza consigliamo comunque di fornirsi di un adattatore universale.
MANCE - Le mance non sono incluse, ma in loco sono da considerarsi obbligatorie. 
ALLERGIE E INTOLLERANZE ALIMENTARI - È assolutamente indispensabile avvisare almeno 15 giorni prima della partenza qualora si soffrisse di intolleranze o allergie alimentari. Posto che segnaleremo il problema a tutti i ristoranti, sarà sempre cura del partecipante verificare che gli alimenti proposti siano compatibili con la dieta da seguire. Le modifiche di menu richieste in loco non sono quasi mai possibili.

 

 

SunSeeker - Viaggi Firmati srl
Agenzia di Viaggi Garbagnate - Milano
C.F. e P.IVA 12513640156 - C.C.I.A.A. Milano 1566860 - Cap. Soc. € 10.400 i.v.
Powered by | Joy ADV Milano
Back to Top